FING

FING

Giugno 15, 2020 0 Di IoTLife

IoT device intelligence

In una Smart Home popolata da tanti diversi dispositivi IoT, Fing è uno strumento indispensabile da avere.

Si tratta, infatti, di un potente e completo strumento di scansione ed analisi di rete, ricco di diverse funzioni.

In pochi secondi è in grado di offrire una panoramica istantanea, impaginata in modo elegante, della rete WiFi di casa.

Fing
credits to fing.com

Fing Scan

La funzione principale è la scansione della rete locale, per rilevare ed identificare ogni dispositivo presente ed inserirlo in un pratico elenco.

Ogni device rilevato viene posto su una propria riga, dove sono inclusi gli elementi descrittivi per il riconoscimento.

Sono rappresentati da un’icona, dal nome del dispositivo, quello del produttore, l’indirizzo IP e l’indirizzo MAC o il suo ID se riconosciuto.

Fing
credits to fing.com

Avere a portata di mano uno strumento come Fing, è di enorme aiuto in fasi di configurazione, potendo ottenere facilmente tutti i dati necessari.

Ogni voce dell’elenco, con un Tap, porta alla pagina dedicata del dispositivo, dove poter registrare le preferenze, insieme a dati e strumenti tecnici.

Ad esempio, è possibile usare Wake on LAN, per accendere un dispositivo compatibile, oppure Trova Porte per determinare se un servizio è attivo.

In merito a questo, aprendo il menu delle impostazioni sull’App, è possibile indicare i servizi che interessa rilevare e quali rimuovere.

Sono anche riportate nuovamente le informazioni sul produttore, indirizzi di rete, tempo di attività, dati UPnP e NetBIOS.

È prevista anche la possibilità di assegnare un nome e delle note descrittive ai dispositivi ed è una funzione da non sottovalutare.

Questa permette di nominare una lampadina o una spina smart, insieme alla stanza dove sono installate, potendo orientarsi più facilmente.

Un device non risponde

Dopo aver effettuato la prima scansione di rete, la lista descrittiva rimane memorizzata al suo interno.

Anche in questo caso, Fing offre una funzione estremamente utile e comoda per la gestione degli elementi presenti in casa.

Memorizzando la lista, quando si effettua una seconda scansione, se alcuni dispositivi non dovessero risultare collegati, verranno spostati in basso.

Alla fine dell’elenco ci saranno tutti i device offline, permettendo di capire se si sono scollegati o se non rispondono per altri motivi.

Account Fing

Creando un account, completamente gratuito, si sbloccano altre funzionalità, in particolare una estremamente utile allo scopo.

Ora, nella pagina dedicata dei dispositivi, è presente uno switch per decidere se ricevere una notifica quando cambia stato.

Questo può tornare utile per capire se qualcuno in casa sta usando qualche dispositivo, se è venuta a mancare la corrente e via dicendo.

In alternativa, nella schermata principale, è presente un menu rapido per raggiungere diverse funzioni.

Ci sono le più basilari, di ricerca o cancellazione, esportazione della lista, ordinamento, modalità di visualizzazione e la sezione avvisi.

Qui si può controllare la funzione delle notifiche da un unico punto, attivandole per ogni singolo dispositivo oppure per tutti, con un solo Tap.

Registrare un account permette anche di sincronizzare i dati con altri dispositivi, compresa la versione Desktop di Fing.

Con Fing Desktop cambia l’aspetto grafico, soprattutto nella visualizzazione dei vari device, ma le funzioni rimangono invariate.

Un sotto servizio di archiviazione cloud permette di memorizzare le scansioni di rete per averle sempre a disposizione.

credits to fing.com

Rete

La seconda sezione di Fing riguarda la connessione della rete a cui si è collegati, divisa in altre sottosezioni.

In cima c’è un altro riepilogo della rete LAN, con possibilità di geolocalizzazione ed un elenco di dettagli tecnici.

Successivamente si trova l’identificazione del Provider della rete, con uno strumento per il test di velocità della connessione, seguito poi dall’esito.

È possibile eseguire questo test anche quando si è connessi con la rete dati.

La pagina continua con una mappa, nella quale sono rappresentate le “Hot Zone” dei vari disservizi internet nel mondo.

Conclusioni su Fing

La versione Desktop è comoda per la gestione panoramica della smart home, in particolare per tutti gli aspetti di personalizzazione.

È più comoda per quanto riguarda rinominare i dispositivi, associarli alle stanze, cambiare icona tra le tante disponibili o scrivere delle note.

L’App per dispositivi mobili, invece, è più rapida per effettuare una scansione improvvisa e per testare il funzionamento dei servizi.

Si rivela comunque uno strumento facile da usare ed utile per gestire l’ambiente IoT presente in casa.

La possibilità di creare un account per ricevere notifiche, inoltre, permette di essere avvisati se qualcuno si collega senza autorizzazione alla rete.

Assolutamente un ottimo servizio e completamente gratuito.

Il Team di Fing offre anche una soluzione Business, per le aziende, a pagamento.

Per il sito ufficiale di Fing, clicca qui.

Per altri articoli, torna ad IoTLife.